Endorsement

Approfitto di questo venerdì pomeriggio per un piccolo endorsement politico. Dopodomani si terranno le elezioni amministrative e si rinnoverà anche il Consiglio Comunale di Ardea.

E siccome trovo l’astensione ripugnante e riprovevole (un non voto è pur sempre un voto regalato al più forte e potente di turno!), mi recherò anch’io alle urne.

Ad ogni tornata elettorale mi stupisco di come la politica a livello locale possa toccare livelli di dignità ai limiti della decenza. Così è stato anche queste settimane. Solo che questa volta ho cercato di impegnarmi un po’ di più e di abbandonare la semplice critica (che in Italia va di moda, soprattutto quando non è accompagnata dall’impegno concreto e quotidiano).

Ardea ha bisogno di una politica vera. Di persone appassionate alla politica. Che si confrontano e a volte perfino si scontrano, ma su questioni importanti per la città. Persone competenti, capaci di ascoltare le necessità della collettività. E di coinvolgerla nell’amministrazione di un territorio abbandonato ai troppi abusi (non solo edilizi). Ma soprattutto Ardea ha bisogno di mandare in pensione una classe dirigente prepotente e totalmente incapace. Che riesce ad ottenere consenso, solo aggrappandosi a logiche vecchie e a distorsioni della pratica democratica (voti di scambio, soprattutto).

Per questo ho sostenuto Enrico Cacciotti nella sua campagna per le primarie del centrosinistra. E lo sostengo tutt’ora, mentre si presenta nelle liste del PD. Enrico è giovane, non è mai stato in consiglio comunale, ma conosce la politica (perché fa politica dagli anni del liceo) quanto basta per crear problemi al potente di turno. E credo che in questa situazione un giovane guastafeste sia quello che serve ad una città assopita troppo spesso sugli interessi di gruppi di potere più o meno forti.

Non voterò Tonino Abate come candidato sindaco. Non lo conosco personalmente e non esprimo giudizi sulla persona. Ma il fatto che sia in consiglio comunale da più consiliature lo rende “uno di loro” (non ricordo, tra l’altro, molte sue battaglie da consigliere comunale… e di materiale ce n’era!). Non basta attivarsi solo per le campagne elettorali. E non basta l’uso della parola cambiamento. La stoffa di un politico si vede nell’attività quotidiana, non in campagna elettorale.

Come candidato sindaco, meglio Cristina Capraro. Donna e giovane. Per lei vale il ragionamento che ho fatto sopra per Enrico.

P.S. Ci sono diversi giovani in gamba (e amici) che si candidano: Riccardo, Massimo, Michele su tutti. Auguro anche a loro di aver fortuna in questa competizione. Ardea ha bisogno di una nuova classe dirigente. Loro fanno ben sperare!

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: