Diritti

Come giustamente oggi fanno notare da Edizioni La Meridiana, i diritti di un minore non svaniscono alla sua morte.

La riservatezza e il divieto di uso delle immagini che ritraggono un minore è parte di essi. Un “diritto” importante, fondamentale.

In questi giorni, quasi nessuno ha rispettato il diritto alla riservatezza di Melissa Bassi. E le sue foto, rubate dal profilo facebook, sono state sbattute sulle prime pagine dei giornali, sul web, sui social network. Senza chiedere il permesso.

Io credo che un’Italia capace di affrontare episodi inumani come questo, sa riconoscere e rispettare i diritti delle persone, specialmente quelli dei più deboli. E rispettare anche che il diritto di un minore prevale su qualsiasi altro principio (anche il diritto all’informazione). Ammesso che vedere il volto di Melissa, o – peggio ancora – sfogliarne le foto, visionare (con ossessione da Grande Fratello) i luoghi dove viveva sia configurabile come un diritto all’informazione.

Le persone prevalgono SEMPRE sui principi (art. 3Convenzione sui Diritti dell’Infanzia). Sennò si torna indietro di cent’anni, o forse più.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: