Grillo, il tecnico

C’è voluto il solito Gramellini, oggi, su La Stampa, ad evidenziare il vero pregio (e il grande limite, per ora) del Movimento 5 Stelle.

Il mito fondante del Movimento Cinque Stelle, solo in questo simile all’Uomo Qualunque di Giannini, è il Buon Amministratore. Persa la speranza di sottrarre il mondo alle trame dei grandi capitalisti, il grillismo chiede alla politica di diventare apolitica, cioè di limitarsi all’ordinaria amministrazione. Perciò la politica potrà salvarsi solo se smentirà Grillo, ricominciando a fare sogni grandi. Altrimenti il Gabibbo barbuto trionferà, così come «Striscia» trionfa da vent’anni contro una Rai che ha saputo, o voluto, contrapporgli sempre e soltanto dei Pacchi.

Vien da pensare insomma che Beppe Grillo e Mario Monti siano due facce della stessa medaglia: dopo il grande Demiurgo, che raccontava favole e coniava la realtà a proprio piacimento (convincendo i cittadini che quelle favole fossero vere), ora la “domanda” politica sembra prediligere – giustamente – la normalità al potere. Persone usuali, piccoli professionisti, spesso giovani, cittadini semi-sconosciuti. Tutti eletti per amministrare, garantire la “normalità”. Una normalità – stessa etimologia della parola norma – che passi attraverso il rispetto delle regole, il coinvolgimento dei cittadini, la sobrietà degli eletti. Come non pensare ai tratti distintivi di Monti e al motivo del consenso che ha accompagnato la sua compagine nei primi mesi di governo?

Tuttavia, proprio l’esperienza (e la parabola del consenso) di Monti lasciano intravedere anche il grosso limite di questo grillismo primitivo: politica non è normalità. Il buon governo non è semplice ed ordinaria amministrazione. Così come non esiste un governo dei “tecnici”. Perché la politica è scelta. E la scelta viene fatta sicuramente in base ai principi, ma ancor di più seguendo un progetto e un’idea di città, di società, di prospettive future per il Paese.

In questo, il grillismo dovrà – per forza di cose – progredire verso qualcos’altro rispetto a ciò che è attualmente. Perché di fronte ai problemi – proprio come il governo di Monti – si troverà a dover decidere. Incrementare le spese per il sociale o stimolare l’economia, con investimenti o fondi per le imprese? Puntare sulla cultura, per favorire il turismo o sui distretti industriali, per creare posti di lavoro? Per ora, nei programmi del Movimento 5 Stelle, queste ed altre domande simili trovano risposte solo più o meno accennate…

Il punto è che non c’è una risposta tecnica a queste domande. La risposta è sempre politica. Si tratta di “fare sogni grandi” e orientare l’azione amministrativa a quei sogni. È questa, secondo me, la sfida che si troverà davanti il Movimento 5 Stelle. E le forze politiche che vorranno costruire un’alternativa ai partiti ormai persi e al tecnicismo di Grillo e di Monti.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: