Cose che ho imparato in una settimana di vacanza

Uno. Che in Svizzera la benzina costa come in Italia, se non di più (contrariamente a ciò che sostiene la stampa nostrana, che sull’argomento mi sembra stia portando avanti una campagna ad hoc: probabilmente c’è qualche distributore conveniente al confine, ma si tratta della solita eccezione che conferma la regola!);

Due. Che la scomparsa dei confini è probabilmente la conquista più bella che l’Unione Europea ha portato con sé. Una conquista non scontata (non esiste e non è mai esistita forma di integrazione pacifica tra stati come questa: ce ne dovremmo ricordare forse un po’ più spesso!)… Mi ha fatto un certo effetto passare indisturbato il confine tra Austria e Italia e ricordare i controlli alla dogana da bambino! Sensazione bellissima!!!

Tre. Che cattolicesimo e protestantesimo convivono in ogni cristiano, come due facce della stessa medaglia. E quella frattura aperta da Lutero poco meno di 500 anni fa è già dentro ognuno di noi, al di là di teologie e tesi che forse hanno poco a che fare con gli insegnamenti di Gesù e molto con il bisogno di riflessione dell’uomo. Ripercorrere luoghi dove cristiani si sono uccisi a vicenda e hanno distrutto opere d’arte in nome del Dio comune fa un certo effetto (mi era successo già a Praga). Nell’alternarsi delle (tante) chiese protestanti e (poche) cattoliche in Svizzera, ho compreso un po’ di più le parole di un monaco a Bose qualche anno fa: la divisione tra cristiani come ferita aperta, ma anche come cammino umano (quello verso una nuova unità) da percorrere e rispettare anche nei suoi tempi.

Quattro. Che l’odore di montagna non ha pari. E che contemplare un paesaggio lassù eguaglia e supera, a volte, osservare le opere dell’uomo (seppur belle) quaggiù.

Cinque. Che la libertà di movimento è forse la libertà più bella di cui disponiamo. Abbiamo il dovere di ricordarcene, quando assistiamo all’immane tragedia di chi muore in mare per raggiungere le coste della nostra ricca Europa, come inseguendo un miraggio, anche quando il vecchio continente è in crisi come oggi. Ma anche quando incontriamo qui da noi chi non può permettersi il lusso del viaggio.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: