Giornalisti

Il Ministero degli Esteri nipponico ha da poche ore confermato la notizia secondo la quale Mika Yamamoto, giornalista, 45 anni, avrebbe perso la vita durante gli scontri ad Aleppo. Mika lavorava per l’agenzia Japan Press ed era – si legge su Repubblica.it – “una veterana del giornalismo di guerra, con esperienze in Afghanistan e Iraq, dove nel 2003 sfuggì per miracolo al bombardamento del Palestine Hotel di Baghdad da parte di un carro armato americano. Il reportage fatto su quella esperienza le valse il premio Vaughn-Ueeda, il “Pulitzer” giapponese”.

Quando ho letto della morte di Mika mi son ricordato di un bel reportage di Ettore Mo, sulle schiave del sesso in Bangladesh, che ho letto domenica scorsa sul Corriere.

Il punto è che oggi – per ragioni economiche, ma non solo – di reportage così si trovano sempre meno tracce sui giornali. Si preferiscono servizi politici interni, spesso conditi da quel gossip politico a cui ormai siamo assuefatti e che viene spacciato per alto giornalismo d’inchiesta, mentre rappresenta una delle furbate più vergognose di chi pretende di fare informazione oggi.

A me fare il giornalista è sempre piaciuto. Al liceo avevo in mente una vita da inviato di guerra, come Mika (o come Ettore Mo, o Tiziano Terzani). E non per amore del rischio (io sono geneticamente un fifone!), quanto per il desiderio di esserci, di vedere le cose e poi raccontarle, senza troppi sentiti dire e senza troppe “moralette” (anche perché nelle guerre è sempre piuttosto difficile distinguere i buoni dai cattivi, così come – probabilmente – nella vita).

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: