Ardea, scuole materne e politica

Ad Ardea – luogo ameno in provincia di Roma, in cui vivo – alle ultime amministrative il 39,7% degli aventi diritto non si è recato alle urne. Alcuni probabilmente avevano di meglio da fare, molti sono nauseati dalla “politica” locale, tanto da reputare inutile andare a votare.

Qualche giorno fa il sindaco – espressione della maggioranza che governa la città da più di vent’anni, più o meno con gli stessi volti – ha annunciato, a scuole iniziate, che non ci sono più soldi per sostenere le scuole materne paritarie, che da noi svolgono un “servizio pubblico”, non riuscendo quelle pubbliche a soddisfare neanche il 50% della richiesta.

Grazie al tempismo perfetto del sindaco, questo comporterà per le famiglie che, ignare di tutto, hanno iscritto i propri figli alle scuole paritarie, un costo da 50 a più di 200 euro mensili (nel caso “fortunato” di un solo figlio iscritto).

La decisione della giunta (che è pure sempre una scelta) sta indignando molti. Alcuni probabilmente non si sono recati ai seggi nel maggio scorso. Altri hanno votato i “soliti noti” sperando nel piccolo favore al momento opportuno.

L’opposizione – al solito, anche giustamente – polemizza.

Pochi osservano e fanno osservare che le elezioni dovrebbero servire, in democrazia, proprio a decidere in che modo effettuare scelte come queste. Scelte politiche. Perché anche e soprattutto in un periodo di crisi, destinare fondi del bilancio ad asfaltare una strada o a sostenere i costi delle famiglie per l’educazione dei propri figli è una scelta politica. Che rispecchia un quadro valoriale di riferimento.

Questo in una democrazia funzionante.

Ma in una democrazia funzionante le persone vanno a votare consapevolmente, con in testa il bene comune. Colpa dei politici? O colpa di chi li ha votati? Oppure colpa di chi ha scelto di non votare (e dunque di non scegliere)?

 

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: