Partiti

Ma se un partito è un gruppo di persone, che persegue un obiettivo politico e si da – come tutti i gruppi di persone di questa terra – delle regole condivise, cosa c’è di riprovevole nel fatto che, sempre in base a tali regole, alcuni vengano espulsi dal suddetto partito?

Io quelli che si stracciano le vesti per le espulsioni di ieri nel M5S proprio non li capisco. Indignatevi se e quando qualcuno viene picchiato dai propri compagni di partito. O penalizzato in un concorso pubblico per la propria appartenenza politica. Indignatevi se viene discriminato sul posto di lavoro. Indignatevi insomma quando siamo di fronte ad “epurazioni” vere: i fascisti non epuravano espellendo dal PNF, ma picchiando, licenziando, impedendo a cittadini che non condividevano le proprie idee di lavorare e vivere serenamente.

C’è quantomeno un po’ di confusione sul concetto di democrazia, mi pare. 

Democrazia non è assenza di regole. Non è il caos in cui tutti possono dire e fare qualsiasi cosa gli passi per la testa (mi verrebbe da dire – ironicamente – che questo è il PD!). Ovvio che vi possano essere anche posizioni diverse in una stessa formazione politica. Ma esse sono consentite fin tanto che non pregiudicano la comune appartenenza. E dovrebbe essere il singolo – prima ancora che il partito – a prendere atto di una convivenza impossibile, quando le questioni su cui si è in disaccordo con la maggioranza degli iscritti divengono troppo profonde o troppo numerose.

In Italia, tra l’altro, la Costituzione lascia ampio margine di manovra ai partiti politici, cui è dedicato un solo articolo (il 49), che tra l’altro individua una libertà, non impone regole e forme ai raggruppamenti politici. Si tratta di una materia ovviamente ricca di implicazioni e su cui si potrebbe dibattere a lungo.

P.S. Ovviamente sarebbero poi tante le critiche che si potrebbero fare nei confronti del Movimento 5 Stelle e delle sue strambe posizioni e discutibili modalità di far politica (una, molto fine e intelligente, qui). Solo che, anche nella critica, occorre accendere il cervello.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: