Archivi tag: immigrazione ardea

La tenuta sociale di Ardea

Secondo il Sindaco di Ardea, la “tenuta sociale” della città sarebbe minacciata dall’arrivo di 50 rifugiati, che saranno accolti – su “invito caloroso” della Prefettura di Roma – nel comprensorio di Lupetta, al confine con il Comune di Anzio, in periferia come sempre.

Gli fanno eco partiti e movimenti cittadini. La politica è come un grande spettacolo, anche nelle città di periferia. Si dice “tenuta sociale” per non dire intolleranza. Ma le parole sono importanti, come diceva Nanni Moretti in Palombella Rossa.

Mi piacerebbe far tante domande ai tanti miei concittadini che si disperano per la venuta di questi 50 destabilizzatori della tenuta sociale della città. Ad esempio, perché lamentare ora un’assenza di attenzione verso “gli italiani” indigenti? Perché non un anno fa, o due, o dieci? Perché non chiedersi prima ad esempio cosa il Comune fa in tema di politiche sociali? Dove finiscono i circa 110 euro pro capite che l’amministrazione spende per questa voce di spesa (dati bilancio consuntivo 2012)?

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

Sui 10.000 euro al mese per ospitare immigrati ad Ardea

Ieri – ahimé – mi sono imbattuto in questo articolo, sul sito de Il Corriere della Città, testata di informazione delle mie parti.

10mila euro al mese immigrati ardea

Sorvoliamo sulla frase “Del resto Ardea è già un paese multietnico grazie alla grande presenza di rom” che perlomeno fa venire il sospetto che l’autore non conosca la differenza tra rom e romeni.

Il finale dell’articolo è il pezzo forte. Quello in cui lo stesso autore riporta la “trascrizione” della presunta missiva arrivata alle agenzie immobiliari, per saziare la sete di verità di “chi ha dubbi sulla veridicità della richiesta”. Un vero e proprio bijoux.

A me l’articolo dà un enorme senso di tristezza. Se la qualità di una democrazia si misura dalla qualità dell’informazione, questo articolo (e il fatto che l’autore sia praticamente l’unica fonte di informazione ad Ardea) spiega molte cose.

Per non fare – solo – il saputello, mi permetto di segnalare qualche domanda, per render la critica un po’ più costruttiva:

  1. è possibile visionare non la “trascrizione”, ma una copia/foto dell’originale della richiesta pervenuta alle agenzie immobiliari del territorio?
  2. è possibile avere qualche altra informazione sul mittente della missiva, la “M.C. immobiliare Beni srl”?
  3. è possibile capire perché tale agenzia sia il tramite tra i fondi pubblici e altre agenzie immobiliari (in un processo che a questo punto diventa lunghissimo e costosissimo)?
  4. è possibile capire quanto guadagna dall’operazione la “M.C. immobiliare Beni srl”?
  5. è possibile capire quanto guadagna dall’operazione l’agenzia immobiliare che fa da tramite tra la “M.C. immobiliare Beni srl” e il proprietario dell’immobile?
  6. è possibile sapere chi eroga i fondi (lo Stato? La Regione? L’Unione Europea?)?

Ecco, un giornalismo di qualità si sarebbe di certo posto queste domande prima di scrivere il pezzo.

Ho come la sensazione che, rispondendo a queste domande, peraltro, l’articolo sarebbe stato molto differente. Che – nel caso la notizia fosse vera e non voglio dubitarne – avrebbe provocato meno reazioni “di stomaco” (di quelli che oggi lamentano il presunto “razzismo” dello Stato che non pensa agli “Italiani”) e magari qualche indignazione in più sui tanti (troppi) italiani che, grazie all’immigrazione e ai fondi a disposizione, anche in questa epoca di crisi, traggono profitto dalle tragedie in mare.

Ecco, per dire.

Contrassegnato da tag , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: